Chi ha creato il debito pubblico italiano? A chi deve i soldi lo stato?

17 Gen

Questo post vuole indicare qualche numero per quantificare il tasso di crescita del debito pubblico italiano in funzione del governo che l’ha creato e inoltre dare qualche informazione sui creditori. Riporto in merito un video da youtube dove l’economista Oscar Giannino  descrive i risultati della sua ricerca sul primo punto:

a titolo riassuntivo cito i numeri:

fino alla fine dellaPrima Repubblica:  795 (miliardi di Euro)

Prima Repubblica + governi Amato e Ciampi: 994

Prima Repubblica+ governi Amato e Ciampi+Seconda Repubblica: 1931

Le medie GIORNALIERE (!!!!)  di debito pubblico accumulato:

Prima Repubblica

47,5 milioni di euro

Governi  Amato-Ciampi
285 milioni di euro

Governo Berlusconi I (1994)
330 milioni di euro

Governo Dini (1995)
207,3 milioni di euro

Governo Prodi I (1996)
96,2 milioni di euro

Governo D’Alema IeII (1998)
76,3 milioni di euro

Governo Amato II (2000)
124,5 milioni di euro

Governo Berlusconi IIeIII (2001-2006)
124,3 milioni di euro

Governo Prodi II (2006-2008)
97,5 milioni di euro

Governo Berlusconi IV (2008-oggi)
217,8 milioni di euro

Di seguito ecco un grafico proveniente da http://www.linkiesta.it

Di seguito invece è riportata qualche informazione generali su quali sono i creditori dello stato italiano. I dati sono presi dall’ultimo report annuale della Banca d’Italia. (Chi desidera consultarlo lo può trovare qui:http://www.bancaditalia.it/statistiche/finpub/pimefp/2012/sb4_12/suppl_4_12.pdf) I dati sono aggiornati a Settembre ma sono provvisori, loro usano la notazione “tra parentesi” per indicare ciò. Quelli dei mesi successivi mancano di alcune voci per cui non le ho riportate. I dati certi più recenti risalgono a Dicembre 2010 le proporzioni sono più o meno le stesse e c’è un incremento globale come tra l’altro si può notare dal grafico contenuto a pagina 4 (figura 1). I dati sono presi dalla tavola 5 a pagina 11 e sono in milioni di euro.

BANCA D’ITALIA                                                                       82.122        (circa 4,36%)

ALTRE IFM                                                                                516.424    (circa 27,42%)

ALTRE ISTITUZIONI FINANZIARIE RESIDENTI                             261.412   ( circa 13,88%)

ALTRI RESIDENTI                                                                     236.333   (circa 12,54%)

NON RESIDENTI                                                                      787.045  ( circa  41,78%)

TOTALE                                                                                   1.883.336

Il significato di Istituzioni finanziarie monetarie IFM è:
Includono, oltre alle banche centrali, le banche, i fondi comuni monetari e le altre istituzioni finanziarie residenti, la cui attività consiste nel ricevere depositi e o strumenti altamente sostituibili ai depositi da enti diversi dalle IFM e nel concedere crediti e o effettuare investimenti in titoli per proprio conto. Le IFM comprendono anche gli Istituti di moneta elettronica (Imel) e dal settembre 2006 la Cassa depositi e prestiti spa (CDP).  (http://www.dizionariofinanziario.it/significato/i/1255901053/istituzioni_finanziarie_monetarie_ifm.html)

Non ho ancora scoperto cosa siano “ALTRE ISTITUZIONI FINANZIARIE RESIDENTI”. Qualcuno ha un’idea???

Per quanto riguarda chi all’estero detiene il 41,78% del debito e per  chi detiene le quote “italiane” non ho ancora trovato informazioni molto precise.

Questo link interattivo mostra invece il debito estero globale italiano (stato+imprese +privati) e a chi è in parte dovuto (sono rappresentati solo alcuni creditori).

http://www.bbc.co.uk/news/business-15748696

Concludendo….

Il mio non vuole essere un giudizio politico non voglio dire se il tale governo abbia fatto bene o male,  se il periodo in cui operava fosse difficile o meno.

Mi rendo conto che scrivere dei numeri senza contestualizzare   e senza cercare di capire in che situazione versava il paese nel momento in cui era al potere un certo governo oppure non descrivere gli eventuali effetti positivi di un indebitamento può sembrare riduttivo e semplicistico, ciò è comunque il primo passo necessario. Credo che sia possibile interpretare dei dati, non credo invece sia possibile discutere di qualcosa, sia essa scienza, economia o letteratura senza avere dei fatti di cui parlare.

Purtroppo ho la spiacevole impressione che in televisione, sui giornali e a volte anche su internet non ci sia alcun interesse a citare dei fatti (in questo caso dei numeri) su cui avviare una discussione o una interpretazione. Mi sembra invece che si preferisca  interpretare e basta senza aver descritto bene ciò che si vuole intrpretare. Pare paradossale ma ho l’impressione che sia così, ditemi voi se sbaglio.

Inizio quindi a riportare dei dati, in quanto sono la condizione necessaria per la formulazione di un giudizio. Uno può obbiettare: “Ma come puoi essere sicuro che i dati siano giusti?” Ovviamente la certezza non esiste. Si ripone una certa fiducia nelle fonti e si spera, citandole, se non si può essere sicuri della veridicità dei dati, di rendere almeno  possibili eventuali controlli incrociati con ulteriori sorgenti.

Colgo l’occasione per sottolineare che questo blog nasce con l’idea di raccogliere informazioni per fare chiarezza sulla situazione economica in quanto tale situazione influenza la nostra vita. Credo di interpretare anche lo spirito degli altri autori di “ArticoliDeterminativi”  invitando chiunque legge a fornire, se ne è in possesso e se lo desidera, delle informazioni per ampliare la nostra comprensione dei fenomeni.

Avanti non siate timidi!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: